Fine di un’era: l’E3 dichiarato ufficialmente morto dopo oltre 20 anni

L’Electronic Entertainment Expo (E3), che un tempo si teneva ogni estate come la più grande convention dell’industria dei giochi, è ufficialmente morta, secondo la Entertainment Software Association confermato.

“Sappiamo che l’intero settore, sia i giocatori che i creatori, hanno molta passione per l’E3”, ha affermato il presidente della Entertainment Software Association Stanley Pierre-Louis. Il Washington Post. “Condividiamo questa passione. Sappiamo che è difficile dire addio a un evento così amato, ma è la cosa giusta da fare date le nuove opportunità che il nostro settore ha di raggiungere fan e partner”.

IL Sito web dell’Electronic Entertainment Expo ora presenta un’unica pagina con il messaggio di addio: “Dopo più di due decenni di E3, ognuno più grande dell’altro, è giunto il momento di salutarci. Grazie per i ricordi.”

Il declino dell’Electronic Entertainment Expo è iniziato nel 2018, quando Sony Interactive Entertainment ha deciso di ritirarsi dall’evento, innescando un effetto domino di altri espositori che non erano più presenti. Nel 2020, il collaboratore e giornalista di lunga data Geoff Keighley ha annunciato che non avrebbe più lavorato con lo spettacolo e da allora ha creato il suo evento separato con Summer Game Fest.

Nel 2019 si è tenuta l’ultima edizione dell’Electronic Entertainment Expo di persona, che ha consentito la partecipazione del grande pubblico. Anche se c’erano piani per un evento nel 2020, è stato annullato a causa delle preoccupazioni relative al COVID-19. Nel 2021 si è tenuto un evento solo digitale. E sebbene fosse previsto un evento solo digitale per il 2022, anche quello è stato cancellato. Era previsto un evento rinnovato per il 2023, ma è stato annullato.