eFootball, il simulatore di calcio gratuito, introduce nuove modalità per giocatore singolo, ma non Master League

Eoni fa, Konami aveva promesso che la simulazione di calcio free-to-play eFootball avrebbe aggiunto la modalità Master League per giocatore singolo, estremamente popolare di PES, ma nonostante ci siano più contenuti per giocatore singolo in arrivo con l’aggiornamento v3.20 di questo mese, dovrai attendere ancora ancora poco tempo per l’aggiunta tanto attesa. My League mira ad alleviare l’attesa, permettendoti di giocare stagioni intere in modalità giocatore singolo, con condizioni meteorologiche mutevoli e premi esclusivi.

Funziona così: sostituirai una vera squadra del campionato che hai scelto, che sia in Inghilterra o in Italia. Utilizzerai i giocatori che hai sbloccato dal sistema gacha del gioco e affronterai l’intelligenza artificiale nel tentativo di raggiungere la vetta della classifica. Ci saranno filmati personalizzati e altri dettagli per tracciare i tuoi progressi e potrai giocare nella modalità tutte le volte che vorrai. Sembra tutto un modo per rendere l’attuale gameplay del dream team attraente per coloro che preferiscono giocare offline.

Se tu Fare giocare online, quindi arriveranno miglioramenti anche a quell’aspetto dell’esperienza. Un nuovo sistema di livelli ti garantirà di essere abbinato a giocatori con un livello di abilità equivalente al tuo, mentre la modalità cooperativa ti consentirà presto di unirti a sconosciuti, quindi non dovrai necessariamente coordinarti con i tuoi amici. Potrai utilizzare gli emoji per comunicare gli alti e bassi delle tue partite o semplicemente elaborare strategie al volo con i tuoi nuovi alleati.

Ci saranno anche nuove carte con vantaggi specifici, che presumiamo consentiranno a Konami di creare versioni “più rare” di determinati giocatori quando eseguono specifiche imprese nella vita reale. E una nuova funzionalità di accesso incorporerà un minigioco per calciare i rigori, in cui dovrai segnare un goal per avanzare lungo una scala e sbloccare premi di gioco, come valuta virtuale, ecc. E per il momento è più o meno tutto.

Quindi, il gioco criticato dalla critica continua a migliorare, ma forse non al ritmo che gli ex fan di PES avrebbero potuto sperare. Il gameplay è abbastanza buono ora, e ci sono più cose da fare, ma senza quella carnosa modalità per giocatore singolo, sembrerà sempre di second’ordine ai fan della vecchia scuola del franchise. Speriamo di non dover aspettare troppo a lungo prima che Konami resusciti finalmente una delle migliori modalità di giochi sportivi in ​​solitaria mai realizzate.